Politica Aziendale
home > Politica Aziendale

Politica Aziendale

  1. Introduzione

    L’azienda Caldia S.p.A. opera da anni nel settore lapideo, svolgendo principalmente attività di estrazione di marmo dalla cava denominata “Rocchetta M42”, i cui prodotti vengono successivamente commercializzati da ditta terza sottoforma di blocchi, semiblocchi e informi. Data anche la particolarità del luogo di lavoro in cui vengono svolte le attività produttive, la direzione aziendale ha voluto porre grande attenzione sulle tematiche relative alla tutela ambientale e alla salute e sicurezza delle persone. Per questo, è stata stabilita ed emanata una politica integrata che possa rappresentare il riferimento essenziale non solo per i lavoratori, ma anche per tutti coloro che, seppur esterni all’azienda, hanno con essa rapporti di ogni tipo. È infatti attraverso tale documento che il Datore di Lavoro diffonde i principi basilari a cui si ispira ogni decisione aziendale e a cui tutti sono tenuti ad attenersi in rapporto al proprio ruolo e alle responsabilità assunte. Il presente documento indica in sostanza la missione che si è data la Caldia S.p.A., esprimendo le motivazioni che stanno alla base, la ferma volontà del vertice aziendale a perseguire gli obiettivi posti, la consapevolezza dei risultati auspicati cui tendere, le responsabilità da assumere. Al fine di garantire che l'attività dell'azienda sia svolta nel rispetto della salute e sicurezza delle persone e facendo attenzione a tutelare l’ambiente circostante, non solo in termini conservativi, ma come valorizzazione dello stesso, la Direzione definisce come principio di riferimento il rispetto di leggi, regolamenti, ordini e buone prassi finalizzato all’accrescimento dei livelli di qualità del lavoro svolto, da realizzare attraverso la salvaguardia e il miglioramento delle condizioni dell'ambiente e l'utilizzazione accorta e razionale delle risorse.

  2. Obiettivi aziendali

    Il Datore di Lavoro della Caldia S.p.A. si impegna a mettere a disposizione le risorse umane, strumentali, tecnologiche ed economiche adeguate per raggiungere gli obiettivi di miglioramento continuo preposti, tenendo conto della dimensione, dei valori e della missione aziendale, della natura dei rischi specifici determinati dal ciclo di coltivazione e della pericolosità dei luoghi di lavoro in cui si svolgono. Come parte integrante della propria attività e come impegno strategico rispetto alle finalità più generali dell’azienda, la Direzione ha redatto, reso noto e diffuso questo documento a tutti i soggetti dell’azienda affinché vengano perseguiti i seguenti obiettivi:
    • sia da tutti considerata una priorità il rispetto degli obblighi di conformità alle vigenti normative, tra le quali si evidenziano in particolare il D.lgs.624/96 e il D.lgs.81/08 per quanto riguarda la sicurezza e il D.lgs.152/06 per quel che concerne la tutela ambientale;
    • vengano diffusi, a tutto il personale e ai terzi che operano con l’azienda, i concetti di responsabilità, condivisione e partecipazione, secondo i propri ruoli e le proprie competenze, al raggiungimento degli obiettivi assegnati;
    • sia perseguita la crescita aziendale tramite il miglioramento continuo delle prestazioni, attraverso l’identificazione, la valutazione e la gestione dei rischi finalizzata alla riduzione o, ove possibile, all’eliminazione degli stessi al fine di garantire la sicurezza e la salute delle persone nei luoghi di lavoro e la salvaguardia dell’ambiente;
    • venga resa partecipe tutta la struttura aziendale coinvolgendo ciascun membro dell’azienda, secondo le proprie attribuzioni e competenze affinché:
    • i cantieri estrattivi, i metodi operativi da seguire e gli aspetti organizzativi siano progettati e curati in modo da salvaguardare la salute dei lavoratori, l’ambiente, i beni aziendali, i terzi e la comunità in cui Caldia S.p.A. opera;
    • l’informazione sui rischi connessi al ciclo di coltivazione e a tutti i processi di supporto sia diffusa ai lavoratori e a chi potrebbe esserne in qualche modo soggetto, rendendo tale personale consapevole anche dei rischi ambientali al fine di mettere ciascuno in condizione di operare responsabilmente e consapevolmente;
    • la formazione del personale sia effettuata e aggiornata con specifico riferimento alla mansione svolta promuovendo lo sviluppo individuale e la crescita professionale mediante interventi formativi mirati, attività di addestramento e sensibilizzazione anche rispetto alle tematiche ambientali;
    • si faccia fronte con rapidità, efficacia e diligenza alle necessità emergenti nel corso delle attività lavorative;
    • siano stimolate la cooperazione fra le varie figure aziendali e il coinvolgimento e la consultazione dei lavoratori, anche attraverso il loro rappresentane per la sicurezza;
    • venga assicurata la cooperazione con le autorità pubbliche nel gestire possibili situazioni di emergenza al fine di ridurre al minimo gli impatti su sicurezza e ambiente;
    • siano rispettate tutte le leggi, i regolamenti vigenti e i provvedimenti, e vengano, anche di conseguenza, formulate procedure, buone prassi e istruzioni tecniche interne da sottoporre ai lavoratori;
    • siano gestite le proprie attività privilegiando sempre le azioni preventive rispetto a ogni tipologia di rischio, in modo da ridurre il più possibile le probabilità di accadimento di incidenti, infortuni, malattie professionali ed emergenze ambientali;
    • la politica e l’intero sistema di gestione rimangano adeguati alla realtà attuale ed efficaci per l’azienda e tutte le sue componenti.
  3. la politica e l’intero sistema di gestione rimangano adeguati alla realtà attuale ed efficaci per l’azienda e tutte le sue componenti.
  4. Impegno della direzione

    Il sottoscritto Datore di Lavoro della Caldia S.p.A. esprime la convinzione che l’applicazione dei principi sopraelencati sia la base imprescindibile per garantire una progressiva crescita nel tempo dell’azienda e assicurare una reale competitività sul mercato. A tal fine, quindi, intende:
    • fornire gli strumenti affinché l’azienda possa rimanere sempre aggiornata e conforme alle normative vigenti del settore estrattivo, alle linee guida, alle buone prassi e ai provvedimenti emessi da autorità competenti quali ASL e ARPAT;
    • organizzare la struttura aziendale, definendo appositi obiettivi con indicatori specifici per ciascun ambito rilevante per la salute e sicurezza delle persone e per la salvaguardia dell’ambiente;
    • definire ruoli e responsabilità per il controllo costante di tali obiettivi riesaminandoli quando necessario e apportando le opportune azioni correttive;
    • individuare e perseguire l’innovazione e il miglioramento continuo delle prestazioni valutando le migliori tecnologie a disposizione e tenendo in considerazione gli impatti derivanti dai processi aziendali all’interno e all’esterno del luogo di lavoro;
    • controllare che siano valutati tutti i rischi delle attività svolte dal personale e da terzi all’interno del luogo di lavoro;
    • verificare costantemente i metodi di lavoro e le procedure operative per prevenire gli incidenti e le non conformità, confrontandosi con le figure aziendali responsabili;
    • favorire l’empowerment e la sensibilizzazione sulle tematiche di sicurezza e tutela ambientale;
    • assicurare che la politica venga diffusa anche ai collaboratori dell’azienda, in modo che siano condivisi gli obiettivi aziendali e favorita la consapevolezza del ruolo di ciascuno all’interno dell’azienda e la responsabilizzazione individuale;
    • sviluppare comunicazioni efficaci e con scambi reciproci e frequenti con tutto il personale e con le rappresentanze dei lavoratori;
    • agire sulle potenziali fonti di rischio e garantirne immediata informazione ai lavoratori per prevenire malattie professionali, infortuni o emergenze ambientali;
    • elaborare e mettere a punto piani di sicurezza contenenti le misure e le procedure atte a gestire situazioni incidentali o di emergenza e a contenerne gli effetti;
    • far effettuare verifiche, ispezioni e audit atti a prevenire eventuali situazioni di non conformità
    • sviluppare e mantenere rapporti aperti e collaborativi con le autorità locali e con tutte le parti interessate;
      • tutelare e proteggere l'ambiente organizzando i propri processi produttivi al fine di:
      • ridurre ogni forma di impatto ambientale con particolare attenzione alla produzione rifiuti, alle emissioni in atmosfera e alla gestione delle acque;
      • ottimizzare l'utilizzo di risorse energetiche evitando gli sprechi e utilizzando le migliori tecnologie disponibili;
      • orientarsi su forme di energia alternativa e a basso impatto ambientale.

    Il sottoscritto, avvalendosi del supporto delle varie figure aziendali, si impegna a far sì che siano verificate costantemente la gestione di salute, sicurezza e ambiente, attraverso attività di monitoraggio, sopralluoghi e audit interni con particolare riferimento a quanto contenuto:

    • nel D.lgs.624/96 e s.m.i.;
    • nel D.lgs.81/08 e s.m.i.;
    • nella norma ISO 45001:2018;
    • nel D.lgs.152/06 e s.m.i.;
    • nella norma UNI EN ISO 14001:2015;
    • in tutte le altre leggi per la sicurezza e ambientali applicabili ai processi aziendali e individuate assieme alle figure di staff.

    Il Manuale del SGI rappresenta la formalizzazione di questa volontà aziendale, oltre che la guida per l’applicazione del sistema gestionale. Almeno una volta all’anno, in occasione del Riesame della Direzione, verrà messa in discussione questa politica e i principali punti dell’intero SGI per verificarne l’efficacia e la necessità di eventuali modifiche, aggiornamenti o integrazioni; verranno inoltre, in questa occasione, definiti gli obiettivi e i programmi per l’anno successivo, che saranno comunicati al personale aziendale.

  5. Responsabilità

    Il Datore di Lavoro è il responsabile dell’emanazione, attuazione, implementazione, diffusione, revisione e aggiornamento della politica aziendale, la cui diffusione si svolge in collaborazione con il Responsabile del Sistema di Gestione (RSG). Il Datore di Lavoro diffonde, all’interno dell’azienda e ai collaboratori esterni, la consapevolezza che ciascuna attività contribuisce al raggiungimento degli obiettivi stabiliti, confidando nel massimo impegno di tutto il personale nel perseguimento degli stessi e nell’applicazione di quanto prescritto nel Manuale nelle procedure e nei documenti ad esse collegati. Il Datore di Lavoro discute, approva e riesamina periodicamente i contenuti della presente Politica, in funzione del raggiungimento degli obiettivi prefissati mettendo a disposizione le risorse necessarie. E’ inoltre compito del Datore di Lavoro assicurare la divulgazione della presente Politica a tutto il personale e renderla disponibile al pubblico e a tutte le parti esterne interessate.
    Luni (SP), 08/04/2019

    Il Datore di Lavoro
    Sig. Andrea Franzoni